Anteprima di Guida ai Pizzi e alla Pirateria per Giovani Gentildonne e Guida alla fortuna in amore per giovani gentiluomini (Novella) di Mackenzi Lee.


“Sarebbe tutto più facile se non bruciassi dal desiderio di sapere tutto; se non volessi a tutti i costi dipendere solo da me stessa.”

Cari Readers! 😀
Benvenuti nel primo Review Party organizzato da me, grazie alla librimondadori per avermi permesso di organizzarlo e per la copia e alla oscarvault per aver inserito questo titolo nel loro catalogo.
E grazie a lapetitepritt per aver risposto al mio grido di aiuto per la copertina/banner/poster, chiamatelo come volete :’D
.
Piccolo appunto: “Guida ai Vizi e alle Virtù per Giovani Gentiluomini.” e “Guida ai Pizzi e alla Pirateria per Giovani Gentildonne.” di Mackenzie Lee, sono due romanzi stampati insieme in un unico volume.

Titolo: Guida ai Pizzi e alla Pirateria per Giovani Gentildonne (#2)  di Mackenzi Lee.
Titolo originale: The Lady’s Guide to Petticoats and Piracy.
Uscita: Il 29 settembre 2020.
Pagine: 365.
Editore: Mondadori.
Collana: Oscar Fantastica. Oscar Mondadori Vault.
Genere: Fantasy Storico.
Costo: 28 euro.
Trama: “Felicity Montague ha due obiettivi nella vita: evitare il matrimonio con Callum Doyle e iscriversi alla facoltà di medicina, riservata agli uomini. Una speranza però c’è: l’eccentrico dottor Alexander Platt sta cercando assistenti. Felicity dovrebbe recarsi da lui in Germania, ma non ha i soldi per il viaggio. Fortunatamente una donna misteriosa si offre di pagarglielo, purché la porti con sé travestita da sua cameriera. Quali sono i veri motivi di tanta insolita generosità?

“«Non voglio diventare una levatrice o un’infermiera.»
«Dunque siete assolutamente convinta di voler divenire un medico donna» dice lui.
«Nossignore,» controbatto «sono convinta di voler divenire un medico. Preferirei che la questione del mio sesso fosse secondaria, non fondamentale.»”

Recensione: “Quando hai una famiglia che non fa altro che ignorarti e quelle poche volte che ti osserva, non fa altro che tarparti le ali.
Non fa altro che cercare di ingabbiarti in una vita che non desideri, una vita che ti pende sulla testa come una spada di Damocle, resta solo una cosa da fare: andarsene.
Scappare.
Ed è quello che hanno fatto i nostri amati protagonisti alla fine del primo romanzo.
Con un gran coraggio, hanno rinunciato al patrimonio della famiglia, per prendere in mano la loro vita e proseguire con le proprie forze e rincorrendo i propri sogni.
Ed è così che Monty e Percy sono finiti a vivere a Londra, finalmente insieme e non rischiando così Percy di essere rinchiuso in qualche manicomio per via dell’epilessia.
Ma dovendo sempre fare attenzione a non essere scoperti e messi al patibolo.
Mentre Percy cerca lavoro come insegnante di violino, Monty fa un lavoro non completamente onesto, ma abbastanza legale.
Felicity è andata Edimburgo, ma quello che credeva l’inizio della sua nuova vita, purtroppo si è rivelato tutt’altro che un percorso facile.
.
Immaginate di entrare in una libreria e vedervi negata la vendita di alcuni volumi, perché di medicina e le donne non posso leggere o studiare la medicina.
Immaginate di non essere mai prese sul serio durante conversazioni serie e importanti, perché donne.
Immaginate di non riuscire a trovare un lavoro difficile, duro e faticoso, perché venite giudicate per il vostro sesso e non per la vostra mente o forza fisica.
Tutto questo accade a Felicity, che nel XVIII si vede negate varie opportunità e porte sbattute in faccia, per il solo fatto di essere donna.
Essere donna nel XVIII secolo è una colpa, una maledizione.
Il mondo intero le rema contro, le dice che deve pensare a sposarsi e a fare bambini, e togliersi i grilli dalla testa.
Per un anno intero dalla fine del primo romanzo, si sente dire di non avere grilli per la testa, ma capire quando è ora di smetterla e pensare alla famiglia.
Ma Felicity non vuole avere un marito, vuole diventare un medico.
La medicina è la sua vita.
Quando si ritrova l’ennesima porta sbattuta in faccia, dopo che nessun ospedale, nessun dottore la vuole come apprendista.
Parte e va a Londra da Monty e Percy, e con uno stratagemma fa il suo discorso all’università di Londra.
Da qui in poi le si apriranno diverse scelte, riuscirà ad avere il contatto di Alexander Platt, ma per arrivare a lui a Stoccarda, deve partire per un avventura con una sconosciuta, che forse ha un passato oscuro alle spalle.
Nessuno è convinto che sia la scelta giusta partire con una sconosciuta, ma Felicity è determinata a incontrare Alexander Platt e chiedere a lui un lavoro.
Niente e nessuno la fermerà.
Peccato che non ha messo in conto che Alexander Platt sta per sposarsi con quella che fino a due anni prima era la sua migliore amica.
Con la quale non è propriamente rimasta in buoni rapporti.
Ma la situazione non è quella che sembra e forse l’eroe che lei ha sempre ammirato, nasconde un segreto oscuro.
E forse l’amica perduta può essere ritrovata e insieme iniziare un’avventura davvero particolare e piena di pericoli.
Dove la verità non è quella che sembra e le persone si rivelano diverse da quello che mostrano.
Felicity dovrà lottare sempre più duramente per raggiungere il suo sogno, in un mondo che non fa altro che cercare di ingabbiarla, domarla, costringerla a sottomettersi ad una società maschilista e ingiusta.
Ma c’è una cosa che lega Sim la sconosciuta, Felicity e Johanna, l’amica forse ritrovata: una carta nautica che le porterebbe alla scoperta delle squame di Drago, in grado di curare quasi tutte le malattie.
Il problema è che se questa informazione cade nelle mani sbagliate, potrebbero non solo esserci delle conseguenze perchè crea dipendenza, ma potrebbero rimetterci la vita molte persone del posto.
.
Fin da subito è chiaro che le protagoniste di questo secondo romanzo sono loro tre.
Finalmente un trio di sole donne per protagoniste e tutte loro devono affrontare il problema di essere una donna nel XVIII secolo.
Questo tema viene esplorato e affrontato molto di più e in tre modi diversi.
.
Da una parte troviamo Felicity, che fin da piccola desidera solamente diventare un medico.
Possiamo toccare con mano la sua fame, la sua brama di conoscenza e sapere.
Lei vuole sapere come funziona un corpo umano e vuole poter aiutare le persone curandole, e scoprire come prevenire certe malattie.
Lei ha sete di conoscenza, questa fame continua di imparare e imparare.
Nonostante la sua giovane età, è una donna forte, intraprendente, indipendente, che sa quello che vuole e non permette a nessuno di ingabbiarla.
Tutti le remano contro, ma lei ha un intelligenza e un coraggio enorme, e nessuno le può mettere paura.
Tutti pensano che lei non abbia la stoffa per questo lavoro in quanto donna, ma in realtà sono spaventati da lei perché non possono ingabbiarla.
Felicity ama la sua indipendenza e vuole guadagnarsi da vivere da sola, ha una visione molto cinica dell’amore, ha paura che nessun’uomo potrà mai accettarla per com’è davvero.
Ha paura che tutti la vogliano ingabbiare.
Perché secondo la società, una donna è donna solo se moglie e madre.
E non viene presa seriamente in altri ambiti, come quello lavorativo.
Un tema che purtroppo viene affrontato ancora oggi.
.
Johanna è in continua lotta con entrambi i suoi mondi.
Da un lato troviamo una Johanna simile a Felicity, che vuole prendersi cura degli altri, sporcarsi le mani con un lavoro ed essere indipendente.
Che ama leggere, sognare ed è ambiziosa come Felicity.
Ma dall’altro lato, troviamo anche una Johanna che ama i vestiti, i pizzi, le stoffe e altre cose femminili.
Ma sembra che le due cose non possano coesistere.
Se ami la moda, i pizzi e queste cose qua, rischi di passare per la solita donzella in pericolo, che ha bisogno di un uomo e non viene presa seriamente.
.
Sim è una donna musulmana, figlia di uno dei più grandi Corsari del XVIII secolo.
Lei è la maggiore, in teoria spetterebbe a lei ereditare la nave e la flotta.
Ma essendo donna, il padre non intende darle niente, se non quel minimo che lo obbliga la legge.
Sim è un marinaio, è forte, determinata, sa combattere, sa fare il suo dovere, sa lottare per le cose giuste.
E deve lottare anche per dimostrare che in quanto donna, lei può farcela come qualsiasi uomo.
Deve lottare per ottenere quello che le spetterebbe dalla nascita.
Deve lavorare il doppio.
.
Tre figure, tre donne che per motivi diversi devono lottare per la propria libertà, la propria vita, la propria indipendenza.
Dalla società vengono viste male, delle ribelli troppo intelligenti che non possono essere domate.
Donne che non hanno bisogno di un uomo per camminare.
Donne che sanno di meritare un posto nel mondo.
Donne che sanno di meritare di poter entrare ovunque, invece di vedersi l’accesso negato in alcuni luoghi.
C’è un passaggio nel romanzo, che racchiude bene il concetto:


“Tutti hanno sentito storie di donne come noi: esempi da evitare, drammi morali, moniti su ciò che ti capiterà se sei troppo indomabile per questo mondo, se sei una ragazza che fa troppe domande o che vuole troppo. Se parti alla ventura da sola.
Tutti hanno sentito storie di donne come noi… e ora noi ne creeremo di nuove.”


Vengono affrontati anche il tema della lotta tra i bianchi (in questo caso gli Inglesi) e i neri (in questo caso gli Africani).
Gli Inglesi per molto tempo hanno preso quello che volevano con la forza, senza fermarsi a pensare se fosse giusto o meno.
Per avere potere, gloria, ricchezza.
Giustamente i pirati di Algeri hanno paura che se loro scoprano l’esistenza dei Draghi, non solo faranno del male a creature innocenti, ma hanno paura che possano saccheggiare le loro terre, prenderle con la forza e farli fuori.
.
Il tema del razzismo, anche se leggermente di meno rispetto al primo romanzo.
Vediamo come Sim sia obbligata a farsi passare per cameriera di Felicity, per poter viaggiare senza aver problemi.
Viene toccato leggermente di meno questo argomento, ma è sempre presente.
Una denuncia che arriva ancora oggi.
Possibile che la storia non cambia mai?
Siamo tutti esseri umani, eppure alcuni devono lottare per i propri diritti.
.
Un altro tema, è quello dell’amicizia.
In questo romanzo lo vediamo finalmente come uno dei protagonisti.
Insieme ovviamente alla continua lotta da parte delle donne per i propri diritti.
Vediamo il legame tra Felicity e Johanna, che all’inizio sembra perduto per sempre, ma che forse così non è.
Il potere dell’amicizia, quella vera, sa essere forte e imbattibile.
Supera il tempo e i confini.
Ho amato leggere della loro amicizia.
E nel corso del tempo, legheranno anche con Sim.
Ma non aggiungo oltre, o vi farei spoiler.
.
Riusciranno a trovare il posto giusto?
Riusciranno a trovare le squame di Drago e utilizzarle in qualche composto?
Riuscirà Felicity a diventare un medico?
Riuscirà Sim a prendere il posto che le spetta di diritto?
.
Ho apprezzato il personaggio di Felicity fin dal primo romanzo, lei è una donna che per la sua epoca viene vista come ribelle.
Felicity è una donna che lotta, che sa quello che vuole, forte, indipendente e non permette a nessuno di definirla.
Di dirle chi è, che cosa deve fare nella vita.
Lei va contro tutti e di nascosto ruba volumi di medicina e li riveste da romanzi d’amore.
Studia, legge e impara tutto quello che può sul corpo umano, sulla medicina.
Lei ha sete di conoscenza, ha sete di imparare e questa sete l’avvolge completamente fin da piccola e non si fermerà davanti a nessuno.
.
Una cosa che ho apprezzato veramente tanto di questi due romanzi, è l’avventura che si vive con entrambi.
Sicuramente due avventure diverse, ma ugualmente avventurose, divertenti e piene di ostacoli da superare insieme.
Durante la lettura avevo la sensazione di essere li con loro, accanto ai protagonisti.
Non ero sdraiata nel mio letto con il libro in mano, no, ero accanto ai nostri amati protagonisti, come quando vengono presi da quelli che credono i pirati, io ero sulla nave con loro.
A cercare di contrattare insieme a Monty, oppure ad osservare il lavoro di cucitura (in campo medico) perfetto di Felicity.
Accanto a Percy mentre cerca di far andare d’accordo tutti.
Ero con loro alla ricerca dell’elisir a Venezia, oppure insieme a Felicity a Stoccarda alla ricerca di un posto di lavoro come medico.
.,
Uno stile di scrittura scorrevole, coinvolgente, intrigante, che ti cattura nel suo vortice e difficilmente ti lascia andare via.
Anche qui possiamo apprendere alla fine del romanzo, l’enorme lavoro che c’è dietro.
Sempre attenta agli eventi storici e si è ispirata a grandi donne e fatti reali, per scrivere i suoi personaggi.
Questa cosa la trovo meravigliosa, davvero.
L’unica nota negativa se così la si può chiamare, è che ho trovato l’inizio leggermente lento rispetto al primo.
Quindi il mio voto è: 4.75/5.
.
Però il lettore resterà sorpreso dal finale, per niente scontato.
Personalmente non me l’aspettavo e ne sono rimasta piacevolmente sorpresa, mi piace veramente tanto.
In più sono sempre stata affascinata dalla figura dei pirati e in questo romanzo vengono esplorati.
Alla fine del romanzo, potrete trovare nuovamente delle interessanti note dell’autrice, leggetele, fidatevi!
.
Finito il 24 settembre 2020.


“«E se non mi capitasse più un’altra occasione del genere?»
«Ma tu sei in gamba. Lavori sodo. Non molli mai. Non è questione di “se”, è questione di “quando”.»“



Alla fine del romanzo, potete trovare anche la novella che va ad inserirsi tra la fine del primo volume e l’inizio del secondo.
Troverete una mini recensione anche di questa novella 😀

Titolo: Guida alla fortuna in amore per giovani gentiluomini (#1.5).
Titolo originale: The Gentleman’s Guide to Getting Lucky.
Uscita: Il 29 settembre 2020.
Pagine: 65 (128 in inglese).
Genere: Fantasy Storico.
Editore: Mondadori.
Collana: Oscar Fantastica. Oscar Mondadori Vault.
Trama: “In questo divertente e spumeggiante romanzo che riprende da dove termina il bestseller del New York Times The Gentleman’s Guide to Vice and Virtue, la coppia appena coniata Monty e Percy armeggiano per la prima volta insieme.
L’epico grand tour di Monty potrebbe essere finito, ma ora che lui e Percy sono finalmente una coppia, si rende conto che c’è qualcosa di più snervante dell’essere inseguiti in tutta Europa: incontrarsi con la persona che ami.
Il fascino romantico di Santorini renderà magica la sua prima volta con Percy o tutta l’attesa e l’accumulo rovineranno completamente l’atmosfera?” (Questa trama l’ho tradotta io con Google traduttore).

“«Quando ti dico che ti amo, tu ci credi?».
«A volte.» Tengo il viso schiacciato contro di lui. «Spesso ci credo. Ci provo.»
«Ti fidi di me?»
«E tu ti fidi di me?» ribatto.
«Non sempre» risponde, e la sua onestà mi prende davvero in contropiede. Credevo di dovergli cavare con le pinze una risposta così. «Ma mi ci voglio impegnare, se lo farai anche tu.»
«Ad avere fiducia in me?»
«Ad avere fiducia in te stesso. E in me, però cominciamo da te.»”

Recensione: “Essendo questa una novella che si va ad inserire tra il primo volume e il secondo, l’ho letta prima del secondo volume.
Anche se in questa bellissima edizione della Mondadori-Oscar Mondadori Vault, la troverete alla fine del secondo appunto.
Ritroviamo i nostri amati protagonisti dove li abbiamo lasciati alla fine del primo romanzo.
Sono ancora fermi sull’isola, in attesa di salpare per tornare alle loro vite.
Percy pensa sarebbe ottimo andare a Londra a cercare lavoro e vivere insieme a Monty.
Monty non vuole lasciare la tranquillità e la pace che stanno vivendo da un mese sull’isola.
Tornare alla realtà, farà tornare a galla tutti i problemi.
E Felicity è decisa ad andare a studiare nella migliore scuola di medicina, fregandosene dei divieti che le donne hanno nei confronti di alcune facoltà.
Nel mentre, Monty e Percy stanno insieme da un mese e in un certo senso è nuova per entrambi la situazione.
Monty non ha mai avuto relazioni serie, ma solo flirt passeggeri.
Percy non ha mai avuto una storia con nessuno.
Troveranno il momento giusto per stare da soli e godersi la loro nuova storia?
.
Una novella breve, ma divertente.
Ho veramente riso fino alle lacrime in molte scene per le battute e i momenti divertenti.
Una novella tutta da leggere, scorrevole e leggera.
Finito il 14 settembre 2020.
Voto: 5/5.”

I Blog:


Precedente Anteprima di Guida ai Vizi e alle Virtù per Giovani Gentiluomini di Mackenzi Lee. Successivo In Cammino Verso Compostela di Beatrice Masci. (Recensione + stile narrativo).