Binti di Nnedi Okorafor. (4 di 4).

Titolo: Binti (Trilogia + racconto) di Nnedi Okorafor.
-Binti.
-Ritorno a casa.
-La maschera della notte.
-Il fuoco sacro.
Pagine: 468.
Uscita: Il 1° ottobre 2019.
Editore: Mondadori.
Collana: Oscar Fantastica . Oscar Mondadori Vault.
Trama: “BINTI EKEOPARA ZUZU DAMBU KAIPKA di Namib è una ragazza di etnia Himba, talmente brava in matematica e nella tecnica dell’astrolabio da venire selezionata per frequentare la prestigiosa Oomza University. È l’occasione della vita e così, nonostante la contrarietà della sua famiglia, e le radicate tradizioni della sua terra, Binti fugge dal villaggio in cui vive e si imbarca sulla Terzo Pesce per intraprendere il viaggio interstellare verso Oomza. Ma tutto cambia quando le Meduse, feroci creature belligeranti, attaccano il veicolo che la ospita, uccidendo l’equipaggio, i passeggeri, gli altri studenti che Binti ha appena conosciuto. La giovane si trova così a doversela cavare da sola, intrappolata su un’astronave piena di esseri assassini, per cinque lunghi giorni prima di raggiungere la meta. Ma chi sono le Meduse? Binti scopre che dietro la loro storia, e la guerra che hanno scatenato contro i Khoush, si nasconde molto più di quanto non appaia. E ora una serie di compiti piuttosto gravosi le si para davanti: sopravvivere alla trasferta, proteggere gli abitanti del pianeta su cui ha sede l’ateneo; e provare a usare i propri ineguagliabili talenti per porre fine a un conflitto sanguinoso.”

Recensione: “Sull’orlo di una nuova guerra tra le Meduse e i Khoush, Binti dovrà fare i conti con le conseguenze del suo ritorno.
Lei si ritiene responsabile, anche se tutti le dicono che non è colpa sua o di Okwu per le scelte dei Khoush.
Ma gli Himba non l’accettano più e vogliono solo che lei se ne vada.
Binti dovrà trovare la forza per andare avanti in una tribù maschilista e chiusa verso il prossimo.
Fare i conti con la possibile morte delle persone che ama e correre contro il tempo per tornare dalle persone a lei care e fermare la nuova guerra.
Intanto verrà a conoscenza della verità e degli usi dell’altra tribù  di cui ha scoperto di far parte e capirà sempre di più di dover lasciare andare certe tradizioni Himba.
Ma è difficile cambiare da un giorno all’altro.
Binti è una vera eroina, che si batte per fermare sia la guerra Medu-Khoush che la disputa tra gli Himba con i Khoush, e gli Himba e “i selvaggi del deserto” come li hanno sempre chiamati.
Nuove scoperte sconvolgenti e sensazionali verranno a galla in questo terzo volume, ed è incredibile la maestria con cui Nnedi ha inserito tutti i tasselli del puzzle al loro posto.
Questo non è solo un romanzo di fantascienza, fantasy…
È un romanzo sull’Africa e i suoi popoli. Sulle loro tradizioni, sia giuste che sbagliate. È un viaggio verso il futuro e su come l’Africa può essere non solo al passo con i tempi, ma anche superarli, anche prima del resto del mondo.
È un viaggio che Binti fa dentro se stessa e su cosa vuole dalla vita.
Sul suo equilibrio tra tradizioni a volte sbagliate e chiuse e tra la sua voglia di esplorare, di uscire dalla gabbia dove l’hanno amata, ma che allo stesso tempo la tenevano reclusa.
Un viaggio dove Binti cercherà di aprire la mente della sua tribù.
Dove Binti cercherà di essere un ponte tra i popoli.
Ci riuscirà?”
Voto: 4/5.

Precedente Memoria di Leonardo Patrignani. Successivo Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde.