Caraval e Legend di Stephanie Garber.

Titolo: Caraval di Stephanie Garber.
Titolo originale: Caraval.
Pagine: 429.
Editore: Rizzoli.
Collana: Rizzoli.
Trama: “Il mondo, per Rossella Dragna, ha sempre avuto i confini della minuscola isola dove vive insieme alla sorella Tella e al potente, crudele padre. Se ha sopportato questi anni di forzato esilio è stato grazie al sogno di partecipare a Caraval, uno spettacolo itinerante misterioso quanto leggendario in cui il pubblico partecipa attivamente; purtroppo, l’imminente, combinato matrimonio a cui il padre la sta costringendo significa la rinuncia anche a quella possibilità di fuga. E invece Rossella riceve il tanto desiderato invito, e con l’aiuto di un misterioso marinaio, insieme a Tella fugge dall’isola e dal suo destino… Appena arrivate a Caraval, però, Tella viene rapita da Legend, il direttore dello spettacolo che nessuno ha mai incontrato: Rossella scopre in fretta che l’edizione di Caraval che sta per iniziare ruota intorno alla sorella, e che ritrovarla è lo scopo ultimo del gioco, non solo suo, ma di tutti i fortunati partecipanti. Ciò che accade in Caraval sono solo trucchi ed illusioni, questo ha sempre sentito dire Rossella. Eppure, sogno e veglia iniziano a confondersi e negare la magia diventa impossibile. Ma che sia realtà o finzione poco conta: Rossella ha cinque notti per ritrovare Tella, e intanto deve evitare di innescare un pericoloso effetto domino che la porterebbe a perdere Tella per sempre…”

Recensione: “Ho amato tantissimo questo libro e non vedo l’ora di leggere il secondo. Perché devo sapere, ho dei sospetti e penso di avere ragione per alcune cose.
Comunque, questo romanzo è una scoperta e sorpresa continua. Arrivi ad un terzo del libro e pensi di aver capito tutto, mentre poi arrivi ai due terzi e alcune cose erano giuste, altre completamente diverse. Per poi arrivare alla fine e renderti conto che quella che credevi essere la verità, viene per la terza volta ribaltata, per poi finalmente rivelarsi.
Un colpo di scena dietro l’altro, alla fine non è solo Scarlett che sta giocando per cercare di salvare Donatella, no, anche tu lettore sei dentro al gioco e cerchi di capire e svelare tutti gli indizi.
Meraviglioso.
Consiglio a tutti!”
Scritta l’8 maggio del 2018.
Voto: 5/5.

Titolo: Legend (#2) di Stephanie Garber.
Titolo originale: Legendary.
Pagine: 480.
Editore: Rizzoli.
Collana: Rizzoli.
Trama: “Dopo la travolgente avventura nel mondo magico e misterioso del Caraval, Donatella Dragna è riuscita finalmente a sfuggire al padre e a salvare la sorella Rossella da un disastroso matrimonio combinato. Ma Tella non è ancora libera; per ritrovare la madre Paloma ha stretto un patto disperato con un criminale misterioso, che vuole in cambio qualcosa che solo lei può dargli: il vero nome di Legend, il Mastro di Caraval. L’unica possibilità per scoprire il vero nome di Legend è vincere il nuovo Caraval, che si terrà a Valenda, l’antica capitale dove una volta regnavano i Fati, in occasione del genetliaco di Elantine, la sovrana dell’Impero di Mezzo. Tella dovrà quindi immergersi di nuovo nella competizione magica, tra le attenzioni di un inquietante erede al trono, una storia d’amore impossibile e una ragnatela di segreti, tra cui anche quelli di Rossella. Se fallirà non potrà mantenere il suo patto e rischierà di perdere tutto, compresa forse la vita. Ma se vincerà, Legend e il Caraval saranno distrutti per sempre.

Recensione: (Attenzione spoiler!): ” Abbiamo seguito le avventure di Scarlett e Donatella durante il primo romanzo, Caraval.
Abbiamo conosciuto la loro terribile storia per via del padre e l’inizio di quella che si prospetta una via di fuga.
Caraval è solo un gioco viene ripetuto nel primo capitolo e Scarlett si è destreggiata bene, tra sacrifici e corse contro il tempo per salvare la vita alla sorella, a cui è tanto legata. Scarlett è riuscita a vincere Caraval e ad esprimere il desiderio.
Ha salvato la sorella, ha trovato l’amore e si sono liberate del padre.
E a pochi giorni dalla fine di Caraval che ritroviamo i nostri personaggi preferiti.
Per la prima volta, un altro Caraval verrà giocato a pochi giorni dalla fine di quello precedente e Donatella che nasconde un segreto, un segreto che ha salvato lei e la sorella, dovrà partecipare al gioco per ripagare il debito che ha fatto un anno prima.
Ma questa volta, nessuno dice che è solo un gioco.
Tutti sostengono che questo Caraval è reale.
Ma sarà davvero così?
Starà a Donatella capire se è vero o no.
E nel mentre, nella corsa contro il tempo che passa, gli indizi da trovare, il debito da ripagare assolutamente se le è cara la vita.
Si imbatterà in Dante, Dante che sembra diverso dal Dante del primo Caraval, sembra più gentile, buono e davvero preso da Donatella.
Tra indizi nascosti, una madre da scoprire e salvare, un amore che potrebbe nascere ma di cui ha paura che non sia reale.
Donatella dovrà assolutamente vincere questo Caraval speciale.
Ma le persone intorno a lei, diranno tutti la verità?
O anche l’amata sorella nasconde qualcosa?
E alla fine dei giochi, questo secondo Caraval è reale o no?
Non vi resta che leggerlo per scoprirlo.
Ho amato tantissimo questo secondo volume, ancora più del primo.
L’ho trovato più avventuroso, ansioso, con colpi di scena continui e anche in questa seconda avventura, mi sembrava di essere io stessa all’interno del gioco.
Alla ricerca degli indizi, a fare attenzione agli artisti di Caraval, a fare le ipotesi su chi possa essere Legend, cioè il Mastro Legend!
In molti hanno criticato il finale, io invece l’ho trovato sorprendente, perché non mi aspettavo di venire a conoscenza della sua identità già nel secondo capitolo e adesso sono ancora più curiosa di sapere cosa succederà nel terzo e ultimo volume.
Consiglio la lettura a chiunque ha amato il primo e ama il mistero, l’avventura e giocare e scoprire indizi.
Non ho apprezzato solo una decisione che prende Scarlett verso la fine.”
Scritta il 18 gennaio del 2019.
Voto: 5/5.

Precedente Parliamo di Shadowhunters di Cassandra Clare e delle nuove edizioni! Successivo "Notte di marionette e torte" e "Sogni e mostri di divinità" di Laini Taylor.