Legend di V. E. Schwab.

“Voi adorate una cosa che non potete vedere né toccare, mentre io adoro qualcosa con la quale sono in contatto ogni momento di ogni mia giornata. Qual è il percorso più logico?”


Titolo: Legend (#2) di V. E. Schwab.
Titolo originale: A Gathering of Shadows.
Pagine: 510.
Editore: Newton Compton Editori.
Collana: Vertigo.
Trama: “Dopo la Notte Nera, una nuova minaccia incombe su Londra Grigia, Londra Bianca e Londra Rossa. Sono passati quattro mesi da quando Kell ha trovato la pietra nera. Quattro mesi da quando ha incrociato il suo cammino con quello di Delilah, Rhy è stato ferito e i terribili gemelli Dane sono stati sconfitti. Ma, soprattutto, quattro mesi da quando la terra ha inghiottito il corpo di Holland insieme alla pietra, trascinandoli per sempre a Londra Nera. Le vite di Rhy e Kell ora sono indissolubilmente legate: se Kell muore, muore anche Rhy. Di notte, gli incubi perseguitano Kell con le immagini vivide degli eventi magici che si sono susseguiti e con il ricordo di Lila, sparita come era sua intenzione sin dall’inizio. Intanto, mentre a Londra Rossa fervono i preparativi per i Giochi degli Elementi, una competizione magica internazionale, un’altra Londra si sta lentamente risvegliando. Come un’ombra che, invece di dissolversi al mattino, accresce la sua oscurità, Londra Nera sta nuovamente interferendo con l’equilibrio magico. E per ripristinare l’ordine è necessario che un’altra Londra cada…”

Recensione: “Ho talmente tante cose da dire su questo secondo romanzo, che non so da dove iniziare.
Amo sempre di più questa trilogia e spero di avere tra le mani il terzo al più presto.
Lo stile di scrittura di V. E. Schwab cattura immediatamente l’attenzione del lettore.
Il lettore viene fin da subito trascinato in un vortice di emozioni, magia, avventura, sentimenti, amicizia e viaggi attraverso i diversi mondi che vanno a comporre questa storia.
Il lettore non può far altro che restare affascinato dalla storia.
Provare quello che provano i protagonisti, gioire e soffrire con loro.
Sperare insieme a loro e immaginare questi mondi.
Abbiamo lasciato il precedente volume con Kell e Lila che hanno preso strade diverse.
Kell ha visto avverarsi i suoi timori, non si è mai sentito completamente della famiglia.
L’unico che davvero l’ha sempre amato come fosse del proprio sangue, è Rhy.
Amo il rapporto di fratellanza tra Kell e Rhy.
Mentre sono rimasta veramente delusa dai reali, i loro genitori.
Praticamente hanno dimostrato che per loro Kell è solamente un prigioniero da poter usare come arma contro i nemici.
Da quando in qua Kell deve chiedere il permesso per viaggiare, quando l’ha sempre fatto?
Durante questo volume hanno punito Kell per gli errori di altri e non è giusto.
Hanno dimostrato che non l’hanno mai considerato figlio loro, non completamente.
Quando invece per Rhy è sempre stato suo fratello e basta.
Kell ovviamente inizierà a sentirsi soffocare, a vivere una non vita, visto l’incantesimo che ha fatto per salvare Rhy.
Nel frattempo Lila vivrà in parte la vita che ha sempre sognato, sarà in viaggio per i mari e inizierà a scoprire di avere davvero la magia dentro di se.
Ma la magia di Lila, è una magia normale o più forte?
E questo che il lettore si domanda dal precedente volume e io ho le mie teorie.
Riuscirà a diventare una maga potente?
Riusciranno i nostri amati protagonisti a rivedersi? Visto che non fanno altro che pensarsi?
Cosa succederà quando il torneo dei tre Imperi inizierà e in gioco ce la possibilità di testare la propria forza ed essere momentaneamente di nuovo liberi?
E cosa succederà quando qualcosa nella famosa Londra Nera inizierà a destarsi nuovamente?
Un nuovo pericolo è in agguato?
Non vi resta che leggerlo per scoprirlo.”
Scritta il 12 maggio 2019.
Voto: 5/5.

Precedente Paradiso di Francesco Gungui. Successivo Alba oscura. Nevernight di Jay Kristoff. (Libro terzo degli accadimenti di Illuminotte)