Tartarughe all’infinito di John Green.


Titolo: Tartarughe all’infinito di John Green.
Titolo originale: Turtles All the Way Down.
Pagine: 352.
Editore: Rizzoli.
Trama: “Indagare sulla misteriosa scomparsa del miliardario Russell Pickett non rientrava certo tra i piani della sedicenne Aza, ma in gioco c’è una ricompensa di centomila dollari e Daisy, Miglior e Più Intrepida Amica da sempre, è decisa a non farsela scappare. Punto di partenza delle indagini diventa il figlio di Pickett, Davis, che Aza un tempo conosceva ma che, pur abitando a una manciata di chilometri, è incastrato in una vita lontana anni luce dalla sua. E incastrata in fondo si sente anche Aza, che cerca con tutte le forze di essere una buona figlia, una buona amica, una buona studentessa e di venire a patti con le spire ogni giorno più strette dei suoi pensieri.
Nel suo tanto atteso ritorno, John Green, l’amatissimo, pluripremiato autore di Cercando Alaska e Colpa delle stelle, ci racconta la storia di Aza con una lucidità dirompente e coraggiosa, in un romanzo che parla di amore, di resilienza e della forza inarrestabile dell’amicizia.”





Recensione: “Amo i romanzi di John Green, sono sempre particolari e coraggiosi direi.
John scrive sempre di argomenti che di solito sono ritenuti “tabù”.
Perché secondo qualcuno, guai parlare di certe malattie o altro.
Perché secondo alcuni, nei romanzi o nei film deve sempre essere tutto rosa e fiori. Ma la vita non è così.
E amo come lui scriva di certi argomenti, com’è giusto che sia.
Perché queste persone non devono sentirsi sbagliate, isolate e aver paura di parlare dei loro problemi. Perché non è giusto. Devono sentirsi liberi di poterne parlare e chiedere aiuto. E meritano di essere amati come tutti.
Questo romanzo, di cui ho letto diversi pareri contrastanti, c’è chi l’ha amato e chi non l’ha amato per niente.
Io invece l’ho amato e tanto e la fine mi ha lasciato un senso di magone e tristezza.
Ci sono rimasta male, perché avrei voluto girare pagina e trovare ancora altro, saperne di più.
A me personalmente è piaciuto molto e lo consiglio a tutti.
Potete trovare una bellissima amicizia, che va al di là di ogni pregiudizio che qualcuno potrebbe avere.
Si accettano per quello che sono e ci sono anche eventi particolari, che porteranno ad una fine un po’ malinconica per i miei gusti, ma allo stesso tempo bella, per altri motivi.”
Finito il 12 settembre 2018.
Voto: 5/5.

Precedente Le spose della luna di Emma Fenu. Successivo Ritornare a casa di Liliana Onori.